La cucina siciliana

Scarica la Guida Viaggio della Sicilia >

In Italia si tende sempre a portare l'acqua al proprio mulino, ma mettendo da parte gli orgogli regionali, è unanime il riconoscimento della gastronomia siciliana come l'espressione più alta della cucina italiana.
Non a caso, è in Sicilia che nasce il più italiano dei piatti, la pasta, molto prima che Marco Polo la importasse dalla Cina.
 

Pasta alla Norma


Gli antipasti siciliani sono talmente elaborati da assomigliare a dei piatti unici; ne è un esempio la caponata, piatto tradizione a base di melanzane. Dominano le verdure, combinate nel modi più vari, ad esaltare i gusti dei singoli ingredienti.
I primi e i secondi fondono in modo unico i prodotti della terra e del mare. Nascono in Sicilia alcuni tra i piatti più apprezzati della cucina italiana, come la Pasta alla Norma e la Pasta con le Sarde. Tra il pescato, i protagonisti sono il tonno, il pescespada e le sarde.
I dolci sono il fiore all'occhiello della tradizione siciliana: i cannoli, la cassata, la frutta di marzapane e la granita sono specialità senza eguali nella ricchissima gastronomia italiana.


Cannoli Siciliani


Accanto alla frittura, all'utilizzo della frutta secca e dell'agrodolce, al dominio di pesce, verdura e olio d'oliva, la varietà e l’elasticità sono ingredienti che accomunano tutte le portate siciliane: infinite sono le varianti in cui si possono esprimere i singoli piatti, che variano a seconda dell'area geografica e della ricchezza che si vuole dare al piatto.

La straordinaria ricchezza della cucina siciliana è un inno al mediterraneo, chiaro riflesso delle stratificazioni culturali che si sono succedute nei millenni di storia isolana.
Una straordinaria unione di sapori e colori che, prima che diventasse moda, hanno dato vita alla cucina fusion più equilibrata del mondo, espressione inarrivabile di quella dieta mediterranea, che è stata addirittura inserita dall'UNESCO nella lista del Patrimonio culturale immateriale dell'umanità.
 

Caponata


Dagli antipasti al dolce, le pietanze siciliane sono gioielli di complessità che richiedono una lunga preparazione. La casa è il tempio in cui si celebra questo lungo rituale: sacra è l’elaborazione dei piatti e sacra è la loro consumazione. Attorno all’altare imbandito si siedono celebranti e commensali, che vanno a costituire la più classica delle famiglie meridionali allargate, che al nucleo familiare aggiunge parenti vicini e lontani, amici e conoscenti.

La particolarità dell'arte culinaria siciliana è che essa si esprime nella sua complessità non solo a tavola, ma anche per strada: via del Plebiscito è una strada di Catania meglio nota come la via della carne; a Siracusa, a cannoli e cassate si affianca la cuccìa, dolce di grano e ricotta; dietro alle megalopoli orientali, Palermo è la quinta città al mondo per la varietà del suo cibo da strada.
 

Arancini


Insomma, tra arancini, pane e panelle, pizze fritte, il mitico “pani ca meusa” (panino con la milza) e le infinite prelibatezze che riempiono i carretti dei coloriti venditori, la Sicilia è il regno dello street food mediterraneo; caratteristica questa, che scoprirete piacevolmente durante le vostre vacanze in Sicilia e che renderà uniche le vostre passeggiate nel cuore delle città siciliane.

Lasciati conquistare dall'Isola più grande del Mediterraneo, scopri i luoghi da non perdere durante la tua vacanza in Sicilia!

Scarica la Guida Viaggio della Sicilia >